Tips per una Singapore low cost in solitaria

da | Gen 30, 2021 | Asia

Home E Asia E Tips per una Singapore low cost in solitaria

DESTINAZIONE

Singapore

CON CHI

Sola

QUANDO

Febbraio 2018

Come

Autobus

Tempo di lettura: ( Parole totali: )

Singapore è considerata una delle città più sicure al mondo, il tasso di criminalità è molto basso e questo la rende una delle mete preferite soprattutto dalle ragazze alle prime armi che vogliono provare a viaggiare da sole.
Io sono principalmente una viaggiatrice solitaria zaino in spalla e ho scoperto così buona parte del sud-est asiatico. Tutti i consigli che dò nei miei racconti sono stati prima provati sulla mia pelle!

Nel 2018, durante un viaggio di tre mesi decisi di fermarmi cinque giorni in questa fantastica isola-stato.

Arrivata in autobus dalla città di Malacca in Malesia, le operazioni alla frontiera sembravano facili: dovevo scendere con il mio zaino, entrare nell’edificio per sbrigare le pratiche doganali (ad oggi gli italiani non hanno bisogno di un visto se si recano nel paese per turismo per meno di 90 giorni) e poi sarei dovuta risalire sullo stesso autobus che mi avrebbe portata in centro città.

Peccato che le leggi sono molto restrittive e avevo dimenticato di avere una stecca di sigarette nello zaino: sono stata inserita nella Black List. Ecco per voi alcune regole del paese, e rispettatele se volete evitare multe:
– non si può sputare
– non si possono importare il chewing-gum
– non si fuma per strada se non accanto alle aree dove ci sono appositi posacenere
– non si può gettare niente per terra compresi i mozziconi di sigarette
– si può attraversare la strada solo sulle strisce pedonali
– è vietato mangiare e bere sui mezzi pubblici specialmente il super puzzolente durian 🙂
– per le droghe sono molto severi, qui è ancora in vigore la pena di morte (quando mi hanno riconsegnato il passaporto al confine, tra le sue pagine ho trovato un foglietto di carta che mi avvisava proprio di questo: uomo avvisato mezzo salvato, non potevate dire di non sapere).

Adesso però torniamo a noi.
La Lonely Planet definisce Singapore “un trionfo di modernità.. un crogiolo di antiche culture e tradizioni cinesi, malesi, indiane e peranakan”.
È una città dal clima equatoriale e più o meno piove tutto l’anno, è sempre caldo umido ma dicono che il periodo migliore per visitarla sia febbraio perché ci sono più ore di sole durante la giornata.

Dove alloggiare?
I backpackers e i viaggiatori low cost prediligono gli ostelli di Little India o Bugis.
Io volevo spendere poco e trovai alloggio nella zona di Geylang, il quartiere a luci rosse. Non spaventatevi, mi è sembrata una zona sicura e ci ritornerei. Mi è piaciuto molto vedere la differenza tra la parte più ordinata e turistica, quella a cui tutti noi siamo abituati, e la diversità di un quartiere local, con gli abitanti che la sera si incontrano fuori a giocare a carte seduti ai loro mini tavolini di plastica.

Cosa vedere a Singapore?

  • Il Marina Bay Sands
    E’ uno dei simboli incontrastati e molti vorrebbero alloggiare lì per poter usufruire della famosa Infinity Pool da cui si gode una bellissima vista. Per me era da escludere per questioni economiche quindi il primo giorno mi sono infilata un vestito carino e nel tardo pomeriggio sono salita al Ku De Tà, il cocktail bar dell’albergo aperto al pubblico e che è allo stesso piano della piscina.. dalla terrazza mi sono goduta il tramonto e anche lo spettacolo delle luci delle fontane nella baia con un bicchiere di vino in mano!
  • Clarke Quey
    La sera fatevi un giro nel quartiere della movida: qui si concentrano molti eventi specialmente nel weekend, con bar locali e ristoranti e persone pronte a far baldoria!
  • Gardens By The Bay
    E’ un must con i suoi super alberi che di notte si illuminano creando scenografie spettacolari. Da non perdere la visita alle due serre botaniche che accolgono piante e fiori da tutto il mondo, il Flower Dome che riproduce il clima secco e mediterraneo e la Cloud Forest che ricrea un ambiente tropicale con tanto di alte cascate!
  • Chinatown
    E’ ricca di cose da vedere: prima tra tutte la Baba House, una residenza tradizionale peranakan. Ora ti starai chiedendo chi sono i Peranakan. I Peranakan sono i discendenti dei mercanti cinesi che intorno al 1500 si stabilirono in queste zone ( anche in Malesia e Indonesia) e che sposarono donne locali ma continuarono a mantenere la tradizione cinese.
    Poi c’è il Buddha Tooth Relic Temple, uno dei miei templi preferiti, dove viene custodito quello che sembra un dente del Buddha recuperato dalla sua pira funebre in India. L’origine del dente è controversa ma a loro non importa e lo custodiscono gelosamente. And last but not least, il Sri Mariammam Temple il tempio indù più antico di Singapore. 
  • Little India
    Assolutamente da non perdere: un tripudio di odori, suoni e colori, dove coabitano moschee templi indù e templi cinesi!
    Il Sri Veeramakaliamman Temple è dedicato alla dea Kali e va assolutamente visitato.. io ci sono capitata durante una delle preghiere quotidiane ed è stata un’esperienza mistica! Fortunatamente eravamo pochi stranieri e abbiamo potuto godere dell’atmosfera suggestiva che si era creata senza disturbare. Un piccolo suggerimento: siate sempre rispettosi, soprattutto nei luoghi sacri durante le cerimonie: evitate di mettervi in mezzo ai fedeli o di scattare insistentemente foto se loro non hanno voglia di essere ripresi. Per loro non è un set fotografico.
  • Casa di Tan Teng Noah
    E’ una villa cinese che è impossibile perdersi: ospita al suo interno alcuni negozi e ha le pareti tutte colorate,
    È l’unica che è riuscita a sopravvivere alla crescita della città e al bisogno di creare spazio per centri commerciali o grattacieli.. le altre sono state rase al suolo.

 

Dove mangiare?
I Singaporeans amano mangiare e amano mangiare bene, la loro quotidianità gira intorno al cibo.
Che vi troviate a Chinatown, a Little India o a Clarke Quey troverete senza problemi posti per tutte le tasche.
Ma se volete seguire le abitudini dei locali mangiando bene e spendendo poco, cercate gli Hawker Centre che non sono altro che degli spazi all’aperto semi coperti dove si trovano decine di stand che propongono piatti diversi e spesso le ricette vengono tramandate tra le generazioni. Ce ne sono un centinaio sparsi in tutta la città: alcuni tra i più frequentati sono il Newton Food Centre, il Lau Pa Sat, Amoy Street Food Centre.

Come muoversi?
Mi sono spostata principalmente a piedi, qualche volta ho utilizzato la metropolitana e l’autobus utilizzando l’applicazione CITYMAPPER. È un po’ come Google Maps ma io mi ci trovo molto meglio e c’è tutto quello che serve per muoversi in autonomia. Io la uso a Londra (città dove vivo) e ha le mappe per tante altre città, andate a vedere la lista e magari vi sarà utile per una delle vostre prossime destinazioni.

Spero che il mio viaggio a Singapore vi sia piaciuto, rimanete sintonizzati per le mie prossime avventure!

Mabel

Articoli correlati

Myanmar – dove il tempo sembra essersi fermato

Myanmar – dove il tempo sembra essersi fermato

Abbiamo scelto il Myanmar come destinazione, quando abbiamo sentito sentire dire "è la Thailandia di 50 anni fa". Cosi dopo qualche ricerca, prenotiamo un volo su Bangkok e partiamo. Qui vi trascorriamo una notte e il giorno dopo voliamo su Mandalay con soli 20€ a...

Due anni in Thailandia episodio 4 – Koh Chang

Due anni in Thailandia episodio 4 – Koh Chang

Dicevamo? Dove si prende il primo autobus per Koh Chang? La ragazza, gentilissima, mi indica tutto il percorso per raggiungere la stazione dei bus. Ci salutiamo e dopo 20 minuti esatti sono sul minivan insieme a 8 sconosciuti direzione Koh Chang. Il viaggio da Bangkok...

Due anni in Thailandia episodio 2 – Koh Samui

Due anni in Thailandia episodio 2 – Koh Samui

Eccoci qui con il secondo articolo della mia esperienza Thailandese durata due anni, oggi vi racconto di Koh Samui..  andiamo! KOH SAMUI Ho vissuto qui e questo basterebbe per consigliare l’isola. Dopo tutto questo tempo devo ancora trovare qualcosa che non attiri la...

Due anni in Thailandia episodio 1- Bangkok

Due anni in Thailandia episodio 1- Bangkok

Un viaggio lungo due anni, un biglietto di solo andata Milano - Bangkok e la voglia di scoprire un mondo nuovo e me stesso fuori dalla comfort zone. Un viaggio nei valori autentici, nel tempo che scorre lento, nel "qui ed ora" che mi ha portato ad apprezzare ogni...

Un Venerdì a Gerusalemme

Un Venerdì a Gerusalemme

Sono stato in Israele per 5 giorni, ho soggiornato per tutto il periodo a Tel Aviv, città molto bella, completamente “appoggiata” sul mare, ricchissima ovviamente di contaminazioni culturali, che troviamo sia nel cibo, che nella musica, nella architettura dei...

Giappone: diario di viaggio

Giappone: diario di viaggio

Giorno 1 Partenza con il mio gruppo da Malpensa per Tokyo, dove arriviamo il giorno successivo. Giorno 2 Alloggiamo nel quartiere "Shinjuku" che consiglio. Visto il lungo viaggio, il primo giorno effettivo di soggiorno prendetelo soft: visitate il Metropolitan...

Toccata e fuga tra Bangkok e Koh Samui

Toccata e fuga tra Bangkok e Koh Samui

La mia prima esperienza in Oriente è stata la Thailandia. Da sempre affascinata dalle culture dell'Asia, decisi di immergermi per sette giorni alla scoperta della capitale Bangkok e dell'isola Koh Samui. Di Bangkok mi ricordo l'incredibile traffico che attraversa...

Turchia: una porta tra due mondi

Turchia: una porta tra due mondi

La Turchia è uno di quei posti da cui potersi aspettare tutto o niente, in grado di creare nell'immaginario di chi sta per recarvisi aspettative differenti. La sua stessa posizione geografica, a cavallo tra Occidente ed Oriente, si riflette sulla sua doppia natura di...

Il meglio di Bali in 15 giorni

Il meglio di Bali in 15 giorni

Meta un po' sognata da tutti, due aerei, 18 ore di volo ed eccoci finalmente atterrati a Ngurah Rai, Bali, l'isola degli Dei! E' chiamata così proprio per l'atmosfera che si respira. Il nostro amico Swastica, colui che ci ha portato in giro per l'isola, è una persona...

Malesia in pillole

Malesia in pillole

Uno dei miei viaggi preferiti. La Malesia è una nazione meravigliosa dove si ha la possibilità di esplorare natura incontaminata, rilassarsi su spiagge da sogno e visitare città uniche al mondo come la capitale Kuala Lumpur. La consiglio a tutti anche per i costi. Con...

I contrasti dell’Oman del Sud

I contrasti dell’Oman del Sud

L’Oman è terra di contrasti: montagne e mare, deserto e oasi verdi, lusso e semplicità, avanguardia e antichità. Ci accoglie così Salalah, capitale del Dhofar, a sud del paese. Soggiorniamo all’Hotel Fanar, 5 stelle piene situato nel complesso turistico e residenziale...

[user-submitted-posts]