I contrasti dell’Oman del Sud

da | Dic 13, 2020 | Asia

Home E Asia E I contrasti dell’Oman del Sud

DESTINAZIONE

Oman, Asia

CON CHI

Coppia

QUANDO

Novembre

Come

Aereo

Tempo di lettura: ( Parole totali: )

L’Oman è terra di contrasti: montagne e mare, deserto e oasi verdi, lusso e semplicità, avanguardia e antichità. Ci accoglie così Salalah, capitale del Dhofar, a sud del paese.
Soggiorniamo all’Hotel Fanar, 5 stelle piene situato nel complesso turistico e residenziale ‘Hawana’, dove si trovano hotel, residence, case una marina con negozi, ristoranti e bar, un acqua park. Una città nella città, di recente costruzione e di lusso puro.
È inizio novembre e il caldo è ancora molto umido, il sole picchia e l’oceano è nervoso. Se da un lato ci giriamo e vediamo la sontuosità dell’hotel, dall’altro il nulla: una distesa di spiaggia deserta, niente all’orizzonte, le montagne alle spalle.

Ecco cos’abbiamo fatto in una settimana di permanenza:

Visita di Salalah
Luogo di principale interesse di Salalah, è la sua ‘Perla’ ovvero la Moschea dedicata al Sultano. Moderna, nuova, imponente e suggestiva, sia da fuori che al suo interno; saloni immensi e pareti decorate, si entra scalzi e vestiti adeguatamente. Chi non ha mai visto una Moschea ne rimarrà affascinato, chi ha visitato quella della capitale Muscat o quella di Abu Dhabi la troverà ordinaria.
La città invece, da una parte è in fase di modernizzazione, dall’altra è ferma al passato. L’atmosfera è quella di un tipico paese arabo arretrato, edifici e strade dismesse, souk e negozietti. La zona del lungomare pare che tra cinque anni diventi occidentalizzante come Dubai. Tornerò per verificare lo stato avanzamento lavori:)  Nulla di speciale, sinceramente, se non la curiosità di sapere come diventerà tra qualche anno.

Deserto Rub Al Khali
Letteralmente ‘il quarto vuoto’ dopo cielo, terra e mare, è uno dei più vasti deserti sabbiosi del mondo e non potete perdere l’esperienza.
Le soste che farete nella valle degli alberi di incenso e nell’allevamento di cammelli neri, non sono nulla in confronto.
Sarete a bordo di jeep di lusso super confortevoli che cavalcheranno le dune, avrete una sensazione mista tra il volare e lo sprofondare. Bene, scendete dalla jeep e ascoltate il silenzio. È quasi l’ora del tramonto e intorno a voi solo montagne di sabbia che creano come un dipinto ai vostri occhi. Iniziate a camminare in salita tra le dune, sponfondate di quasi mezza gamba, perdete l’equilibrio, siete affaticati ma state per raggiungere la cima della duna. Ed eccolo li, il sole, di dimensioni enormi, che è pronto a spegnersi nella sabbia.
Siete incantati, non pensate a nulla, vi sedete e aspettate che il sole cali. Prima che faccia troppo buio dovete poi scendere, dall’altro versante, potete anche buttarvi e rotolarvi giù. Vi sentirete liberi. Una sensazione stupenda che non potete non provare e che sarà il senso della vostra permanenza.

Fazayah beach
E anche lei merita di essere visitata. L’esperienza che farete sarà in una spiaggia vergine nascosta al di la delle montagne, dove c’è almeno una mezzora discesca ripida e sterrata (…l’ansia!!) che farete con le jeep di lusso che vi dicevo prima.
Arrivati nel nulla più totale, gli autisti ci danno un ombrellone a coppia (facevano 39 gradi umidi) e allestiscono un gazebo-buffet dove ci distribuiranno il pranzo. Abbiamo mezza giornata da passare li e di nuovo attorno a noi nient’altro che natura aspra e secca, montagne aride alle spalle e oceano azzurro davanti agli occhi, che ci regala anche lo spettacolo di vedere un branco di delfini a poca distanza da noi.

Ogni volta che uscirete dal lusso vostro resort, vi sembrerà di essere soli. Le strade sono vuote e intorno a voi montagne e pianure deserte: l’Oman è un territorio vastissimo e la densità di popolazione in confronto è molto bassa. Abbiamo trovato un popolo davvero cordiale, educato e disponibile, una bella sorpresa che mi spinge a volerci tornare, ma stavolta al nord partendo dalla capitale Muscat.
Ad essere sincera, sono tornata a casa con la sensazione di non aver visto abbastanza, come se mi mancasse qualcosa, nonostante abbiamo fatto tutto ciò che ci offrisse il sud.
Mi sento di consigliarvi di andare in Oman per esplorare e non per fare mare: l’oceano deve piacere e la natura arida anche. Prediligete direttamente un tour del nord se decidete di visitare questo paese, che ha un potenziale enorme ma va approcciato nel modo giusto.

Articoli correlati

Tips per una Singapore low cost in solitaria

Tips per una Singapore low cost in solitaria

Singapore è considerata una delle città più sicure al mondo, il tasso di criminalità è molto basso e questo la rende una delle mete preferite soprattutto dalle ragazze alle prime armi che vogliono provare a viaggiare da sole. Io sono principalmente una viaggiatrice...

Myanmar – dove il tempo sembra essersi fermato

Myanmar – dove il tempo sembra essersi fermato

Abbiamo scelto il Myanmar come destinazione, quando abbiamo sentito sentire dire "è la Thailandia di 50 anni fa". Cosi dopo qualche ricerca, prenotiamo un volo su Bangkok e partiamo. Qui vi trascorriamo una notte e il giorno dopo voliamo su Mandalay con soli 20€ a...

Due anni in Thailandia episodio 4 – Koh Chang

Due anni in Thailandia episodio 4 – Koh Chang

Dicevamo? Dove si prende il primo autobus per Koh Chang? La ragazza, gentilissima, mi indica tutto il percorso per raggiungere la stazione dei bus. Ci salutiamo e dopo 20 minuti esatti sono sul minivan insieme a 8 sconosciuti direzione Koh Chang. Il viaggio da Bangkok...

Due anni in Thailandia episodio 2 – Koh Samui

Due anni in Thailandia episodio 2 – Koh Samui

Eccoci qui con il secondo articolo della mia esperienza Thailandese durata due anni, oggi vi racconto di Koh Samui..  andiamo! KOH SAMUI Ho vissuto qui e questo basterebbe per consigliare l’isola. Dopo tutto questo tempo devo ancora trovare qualcosa che non attiri la...

Due anni in Thailandia episodio 1- Bangkok

Due anni in Thailandia episodio 1- Bangkok

Un viaggio lungo due anni, un biglietto di solo andata Milano - Bangkok e la voglia di scoprire un mondo nuovo e me stesso fuori dalla comfort zone. Un viaggio nei valori autentici, nel tempo che scorre lento, nel "qui ed ora" che mi ha portato ad apprezzare ogni...

Un Venerdì a Gerusalemme

Un Venerdì a Gerusalemme

Sono stato in Israele per 5 giorni, ho soggiornato per tutto il periodo a Tel Aviv, città molto bella, completamente “appoggiata” sul mare, ricchissima ovviamente di contaminazioni culturali, che troviamo sia nel cibo, che nella musica, nella architettura dei...

Giappone: diario di viaggio

Giappone: diario di viaggio

Giorno 1 Partenza con il mio gruppo da Malpensa per Tokyo, dove arriviamo il giorno successivo. Giorno 2 Alloggiamo nel quartiere "Shinjuku" che consiglio. Visto il lungo viaggio, il primo giorno effettivo di soggiorno prendetelo soft: visitate il Metropolitan...

Toccata e fuga tra Bangkok e Koh Samui

Toccata e fuga tra Bangkok e Koh Samui

La mia prima esperienza in Oriente è stata la Thailandia. Da sempre affascinata dalle culture dell'Asia, decisi di immergermi per sette giorni alla scoperta della capitale Bangkok e dell'isola Koh Samui. Di Bangkok mi ricordo l'incredibile traffico che attraversa...

Turchia: una porta tra due mondi

Turchia: una porta tra due mondi

La Turchia è uno di quei posti da cui potersi aspettare tutto o niente, in grado di creare nell'immaginario di chi sta per recarvisi aspettative differenti. La sua stessa posizione geografica, a cavallo tra Occidente ed Oriente, si riflette sulla sua doppia natura di...

Il meglio di Bali in 15 giorni

Il meglio di Bali in 15 giorni

Meta un po' sognata da tutti, due aerei, 18 ore di volo ed eccoci finalmente atterrati a Ngurah Rai, Bali, l'isola degli Dei! E' chiamata così proprio per l'atmosfera che si respira. Il nostro amico Swastica, colui che ci ha portato in giro per l'isola, è una persona...

Malesia in pillole

Malesia in pillole

Uno dei miei viaggi preferiti. La Malesia è una nazione meravigliosa dove si ha la possibilità di esplorare natura incontaminata, rilassarsi su spiagge da sogno e visitare città uniche al mondo come la capitale Kuala Lumpur. La consiglio a tutti anche per i costi. Con...

[user-submitted-posts]