Tuscia Laziale: Civita di Bagnoregio e Montefiascone

da | Feb 22, 2021 | Speciale Italia

Home E Speciale Italia E Tuscia Laziale: Civita di Bagnoregio e Montefiascone

DESTINAZIONE

Civita di Bagnoregio e Montefiascone

CON CHI

Amici

QUANDO

Febbraio 2021

Come

Crociera

Tempo di lettura: ( Parole totali: )

Benvenuti nella prima tappa di MSC Grandiosa!
Come vi abbiamo anticipato, viste le restrizioni covid, è possibile scendere dalla nave solo con escursioni organizzate per tenere sotto controllo la sicurezza di tutti i passeggeri.
La prima tappa è Civitavecchia e, tra le escursioni proposte, abbiamo scelto Civita di Bagnoregio e Montefiascone. Venite con noi!

Siamo nella Tuscia laziale, in provincia di Viterbo, al centro della Valle dei Calanchi: Civita di Bagnoregio è uno dei Borghi più belli d’Italia candidato a diventare patrimonio Unesco nei prossimi anni.

Ogni anno, in condizioni normali, vanta migliaia di visitatori al giorno che arrivano da ogni dove per percorrere le sue stradine arroccate, respirare il silenzio e godere delle sue meravigliose viste.
Ci raccontano che tra le stradine si sgomita per passare, oggi invece ci siamo solo noi e i suoi 11 abitanti: ci sentiamo davvero privilegiati a poterla vivere con calma!

Civita di Bagnoregio deve il suo nome ad una leggenda: si dice che il Re Desiderio dei Longobardi fosse stato guarito da acque termali miracolose qui presenti. Da qui ne deriva il nome Balneum Regis, il bagno del re.

Ma perché la definiscono “la città che muore” allora?
La particolarità di Civita di Bagnoregio è quella di essere costruita sopra uno strato di argilla con roccia tufacea e la sua posizione l’ha talmente esposta agli agenti atmosferici che è stata erosa (e continua ad erodere) nel corso del tempo. Ecco perchè “MUORE”: si stima che tra 2/300 anni sarà destinata a scomparire per sempre.
Da qui nasce la necessità di istituire l’ingresso a pagamento (5€): per continuare le opere di ristrutturazione e preservare questa bomboniera il più possibile.
L’istituzione della tassa di ingresso ha aumentato però il valore percepito del borgo, tanto da portare un aumento cospicuo dei visitatori: se ne contano un milione circa all’anno contro i diecimila precedenti.

Si accede alla Civita dal comune di Bagnoregio attraversando un suggestivissimo ponte di 200mt che taglia la valle. Oltre ad essere altamente Instagrammabile, percorrerlo è davvero piacevole: intorno a te solo natura e di fronte la Civita che ti chiama. Arrivati in alto godrete di una vista ancora più mozzafiato: tra le viuzze del borgo si aprono delle “finestre” panoramiche da dove ammirare gli scorci della Valle e, se ci capitate al tramonto magari per degustare qualche tipicità, tutto sarà ancora più magico.

Lasciamo questo gioiello per pranzare presso l’Antica Cantina Leonardi a Montefiascone, distante circa 20 minuti. Vi troverete in un ambiente davvero caldo e familiare, dove degusterete 4 tipologie di vino autoctono insieme a portate tipiche. Lo consigliamo caldamente a chiunque passi di qui.

Ma la parola Montefiascone non vi ricorda qualcosa? Il monte del fiasco, e se dico fiasco.. dico Vino!
Ora vi raccontiamo la leggenda di Defuk e capirete tutto.
Enrico V di Germania marciava su Roma per farsi incoronare imperatore con al suo seguito un nobile signore amante del buon vino, tale Defuk. Quest’ultimo, aveva affidato ad un suo servitore il compito di precederlo e cercare i migliori posti dove bere vino degno del suo palato (il TripAdvisor d’altri tempi insomma) e di contrassegnarli con la scritta EST (che in latino vuol dire c’è). Arrivato a Montefiascone, talmente la sorpresa di assaggiare un vino così buono, ha segnalato a Defuk la prelibatezza con EST! EST!! EST!!! tanto che questo ne ha bevuto talmente tanto nei due anni successivi da morire.

Abbiamo assaggiato l’EST! EST!! EST!!! alla Cantina Leonardi e, seppur sia una bottiglia da pochi euro (7 circa) è davvero buono (vorrei dirvi qualcosa in termini tecnici ma non sono in grado), come anche gli altri degustati.
Montefiascone è quindi importante per la produzione del vino e merita una visita ad Agosto durante la fiera del vino, dove potrete acquistare l’EST! EST!! EST!!! e altri vini della zona molto apprezzati.
Il suo centro storico si visita in 10 minuti di orologio, non perdetevi la Cattedrale di Santa Margherita con la sua cupola affrescata e la chiesa di San Flaviano, dove troverete la lapide del Defuk e vi potrete versare sopra un cicchetto di vino come da tradizione.
Inoltre Montefiascone si affaccia sul lago di Bolsena ed è la tappa 39/40 della Via Francigena che conduce i pellegrini fino a Roma.

Civita di Bagnoregio è davvero speciale e merita di essere visitata, come tutta la Tuscia del resto, tanto che l’abbiamo aggiunta alla nostra wish list dei long weekend. Montefiascone in sé non ha nulla di speciale, ma qualche bicchiere di vino e due pappardelle sistemano ogni cosa! Esperienza complessivamente molto positiva è ben organizzata!

Alla prossima tappa amici!

 

Articoli correlati

Il meglio di Tropea in un giorno

Il meglio di Tropea in un giorno

Tropea è una splendida cittadina della costa calabrese eletta "Borgo dei Borghi 2021": è da sempre conosciuta per le sue acque cristalline e per il suo buon cibo e turisti da ogni parte del Mondo scelgono di venire a visitarla. Passeggiando tra i vicoli alla scoperta...

Sunshine Blogger Award 2021

Sunshine Blogger Award 2021

Cari Amici, Oggi leggerete qualcosa di diverso dal solito. Siamo state nominate dalla nostra cara Paola, aka @mammacamperista, per partecipare al Sunshine Blogger Award 2021. Paola, come dedurrete dal suo nickname, è una super mamma che con la sua famiglia percorre...

Sardegna Low Cost & On the Road

Sardegna Low Cost & On the Road

Ciao Ontheroaders! Sono Denise di Bellavitis il blog di viaggi e ho la passione per gli on the road per la libertà di scelta che ti danno: scegliere di viaggiare di notte per vedere l’alba nella natura, scegliere di fermarsi per qualche giorno in un paesetto in mezzo...

Lampedusa: perla delle Pelagie

Lampedusa: perla delle Pelagie

Ciao ragazzi, mi chiamo Gloria e sono qui per raccontarvi la mia esperienza di viaggio in una delle più belle Isole delle Pelagie del Mar Mediterraneo, Lampedusa, provincia di Agrigento. Nonostante ami i viaggi culturali e il mese di settembre, abbiamo deciso di...

Firenze: cosa vedere in due giorni

Firenze: cosa vedere in due giorni

Sono stata a Firenze per due giorni e me ne sono innamorata subito. Era mezzogiorno, sono uscita dalla stazione di SMN con la mia valigia e lì, davanti a me, c'era lei: la cupola del Brunelleschi. Dopo quasi 4 ore di viaggio in treno ero stanca e affamata, così per...

Verona: città tridimensionale

Verona: città tridimensionale

Verona: capoluogo dell'omonima provincia veneta. Città antica, fondata dai romani e in seguito occupata dai popoli del nord, ancora oggi presenta le caratteristiche e gli elementi che l'hanno resa così particolare e meravigliosa. Lì mi sono ubriacata col vino bianco...

Le spiagge di Santa Teresa di Gallura

Le spiagge di Santa Teresa di Gallura

Spesso meta di weekend lunghi in mesi molto tranquilli come giugno o settembre, nell’agosto del 2018 decidiamo di trascorrevi una settimana. Per varie vicissitudini che non sto ad elencare riusciamo ad affittare, tramite un amico di un amico, un appartamentino un po’...

Le perle del Conero – Overview

Le perle del Conero – Overview

Diventata ormai meta ambitissima per le vacanze italiane, la Riviera del Conero è davvero una bellissima sorpresa. Ci siamo fermati qui per tre notti di ritorno dalla Puglia, volevamo riposarci dopo 15 giorni in macchina e invece no, gambe in spalla e si cammina come...

Sicilia: tra il Barocco e il Gusto

Sicilia: tra il Barocco e il Gusto

Tre notti e quattro giorni intensi per vedere quanto più ci fosse possibile. È ottobre e fa un caldo meraviglioso, secco e non asfissiante e il mare è ancora caldo. Giorno 1 Arriviamo a Catania, noleggio auto e via partiamo per Lido di Noto, località scelta per avere...

[user-submitted-posts]