Marrakech: 3 giorni nella città rossa

da | Dic 13, 2020 | Africa

Home E Africa E Marrakech: 3 giorni nella città rossa

 

 

DESTINAZIONE

Marrakech, Marocco

CON CHI

Mamma e Figlie

QUANDO

Gennaio

Come

Aereo

Tempo di lettura: ( Parole totali: )

A Natale del 2019 ho ricevuto un inaspettato quanto gradito regalo dalle mie ragazze: trascorrere insieme a loro 3 giorni a Marrakech dal 24 al 26 gennaio 2020.
Con un’organizzazione direi perfetta (è il vantaggio di avere una figlia agente di viaggio) partiamo da Orio al Serio (noi con volo delle 11.45) e dopo circa 3 ore raggiungiamo la meta.

Il tempo di posare i bagagli nel nostro bellissimo Riad Amin situato nella Medina, proprio davanti alle Tombe Saadiane, e sorseggiare il primo dei tanti thè alla menta che berremo, incontriamo Amal la nostra guida (parla italiano), già vecchia conoscenza di Sofia che ci conduce alla scoperta della città. Caratterizzata da viuzze affollate e dai suoi souk, è il paradiso dello shopping marocchino: tessuti, gioielli, ceramiche, spezie, erbe e, soprattutto, il famoso e apprezzato olio di Argan presente in svariati prodotti di bellezza.
Consiglio: per cultura e tradizione il prezzo di qualsiasi acquisto deve essere contrattato quindi se sapete un po’ di francese è un punto a vostro favore.
Nel centro della Medina si trova la vivacissima Piazza Jamaa el Fna: un mondo variopinto e caotico abitato da incantatori di serpenti, giocolieri, musicanti, artisti di strada, venditori di acqua, frutta, spezie, dentiere usate insomma uno spettacolo a cielo aperto.
Consiglio: qui le foto non sono gradite: chiedi sempre il permesso prima di scattarle, alcuni personaggi ti chiederanno pure di pagare.
Da qui, da qualsiasi punto ti giri, svetta il maestoso Minareto della Moschea della Koutoubia purtroppo ammirabile solo dall’esterno perché non è accessibile ai turisti non musulmani.
Concludiamo il Medina tour con una cenetta in un ristorantino di prelibatezze marocchine a base di cous cous e tajine.

Il giorno seguente partiamo alla scoperta dell’entroterra marocchino diretti ai Monti dell’Atlante.
La guida (ahimè parla solo inglese) ci preleva al Riad alle 9 del mattino e, in un minivan con altre 6 persone, inizia l’avventura.
L’escursione tocca diverse tappe: la prima è un villaggio dove visitiamo sia una cooperativa di produttori di olio di Argan, e sorseggiamo dell’ottimo thè alla menta accompagnato da pita calda e miele, sia un tipico Mercato Berbero.
Proseguendo di qualche chilometro arriviamo ad Asni,  pausa thè e poi in marcia, stavolta a piedi, per raggiungere l’altopiano a 1800mt di altitudine passando per villaggi berberi, piccoli souk, cascate immerse nel verde e viste spettacolari. Dopo circa due ore di cammino sosta pranzo in un villaggio berbero da dove, ristorati, riprendiamo il cammino verso l’agognato van che ci attende al parcheggio.
Durante il ritorno breve sosta al Deserto di Agafay: altra pausa thè e cammellata per chi lo desiderava.  Ritorno al Riad al tramonto

Ultimo giorno a Marrakech dedicato ai Giardini Majorelle, ai suoi colori e alla sua natura lussureggiante. Al suo interno si trova il Museo Berbero, la villa di Yves Saint Laurent dal colore blu elettrico e il museo a lui dedicato. Il pomeriggio breve visita alle Tombe Saadiane mentre la sera, per congedarci da questa magica città, relax con il tipico Hammam direttamente nel nostro Riad.

Marrakech è da vivere almeno un volta, che sia per un week end o durante un viaggio più lungo alla scoperta delle città imperiali del Marocco, perciò passateci.. ve la ricorderete sempre.

 

Articoli correlati

Cape Town: un tour alla fine del mondo

Cape Town: un tour alla fine del mondo

Dopo 16 ore di aereo e tre voli differenti raggiungiamo il continente africano. Ci troviamo in Sudafrica e in particolare a Cape Town, una delle tre capitali del paese, situata nella costa sud-occidentale e caratterizzata da spiagge, storia, giardini e musei. Siete...

Praslin e La Digue: paradisi incontaminati

Praslin e La Digue: paradisi incontaminati

Come promesso eccomi qui a raccontarvi le mie escursioni a Praslin e La Digue, isole nelle immediate prossimità della principale Mahe. Praslin E' l'ideale per gli amanti della natura, è l’unica isola dove, se hai fortuna, puoi avvistare il raro Black Parrot. L’isola è...

Mahé: semplicità e natura selvaggia

Mahé: semplicità e natura selvaggia

Le Seychelles erano una delle mie mete in top ten nella lista dei viaggi, pensavo sempre a quelle cartoline paradisiache che vedevo su internet e mi immaginavo di prendere il sole in quel meraviglioso contesto. Così a Dicembre del 2019 ho deciso, assieme alla mia...

Madagascar: parchi nazionali e mare

Madagascar: parchi nazionali e mare

Il madagascar è un posto stupendo...ha una natura incontaminata, una vegetazione fittissima , delle foreste straordinarie e una quantità infinita di animali e piante endemiche. L'isola è grande una volta e mezza dell'Italia, ma è...

I colori del Kenya

I colori del Kenya

Ciao a tutti! Prima di tutto mi presento: sono Federica Mattioli, ex assistente turistica per i villaggi Eden Viaggi, vagabonda un po' per forza, ma soprattuto per passione! Voglio parlarvi di uno dei miei posti del cuore, un posto che ti rapisce e stupisce ogni...

[user-submitted-posts]