La Repubblica Dominicana che non conosci

da | Dic 13, 2020 | Americhe

Home E Americhe E La Repubblica Dominicana che non conosci

DESTINAZIONE

Repubblica Dominicana, America centrale

CON CHI

Gruppo

QUANDO

Novembre

Come

Aereo

Tempo di lettura: ( Parole totali: )

La Repubblica Dominicana che ti racconto è quella più inesplorata. È un tour che parte dalla capitale, si spinge fino al confine ovest con Haiti e termina in quello più ad est. Pronti?
Sono partita per il mio primo viaggio a lungo raggio da sola, con un gruppo di colleghi sconosciuti che poi sono diventati famiglia in sole 8 notti. Era novembre 2018 e sento ancora l’agitazione e l’emozione come se fosse ora il momento di partire (magari!).

Dia 1
Siamo arrivati all’aeroporto de La Romana, dove la nostra Guagua (pulmino tipico) ci aspettava per portarci nel cuore di Santo Domingo città, al nostro hotel Holdelpa Nicolas de Ovando. Hotel nel cuore della città coloniale, splendido e tipico, con giardini rigogliosi nel patio interno, camere super comfort e ottima cena a la carte nel suo ristorante.

Dia 2
Iniziamo l’avventura con un city tour di circa 1.30h di Santo Domingo città a piedi, comodissimo. E’ domenica e la città riposa, visitiamo il museo coloniale e quello del Cacao, Plaza de España, la principale, che il sabato sera diventa una discoteca a cielo aperto dove si festeggia sempre con qualunque pretesto, la viuzza dello shopping con negozietti, bar e locali tipici. Ci spostiamo poi nella Santo Domingo nuova per pranzare al Meson de la Cava un ristorante-grotta davvero scenografico: pranziamo letteralmente in una grotta sottoterra con un buffet di piatti tipici posto tra le nicchie della cava. Qualità e servizio buoni ma non eccelsi, la location fa tutto il resto.
Partiamo poi per Bahraona. Man mano che ci allontaniamo dalla città, veniamo pervasi dalla natura, palme e alberi da frutto in ogni dove, non vediamo neanche il mare perché siamo nel cuore della giungla.
Arriviamo dopo 4 ore al tropical lodge Casa Bonita, ed ogni parola è superflua. Il sole che si spegne nel mare, il silenzio e la natura. La pace dei sensi.
Siamo a 20 minuti dal centro di Bahraona, e tutta la zona è incontaminata, si respira solo autenticità e cultura locale, l’unica spiaggia balneabile è Playa Quemaito e non esistono grandi hotel. Casa bonita è un gioiello immerso nella foresta tropicale dal quale non vorresti mai andartene.

Dia 3
Entriamo nel vivo della destinazione dirigendoci verso il Parco Nazionale Jaragua, verso i confini con Haiti, provincia di Pedrnales, designato dall’Unesco come Riserva della Biosfera; destinazione Bahia de las Aguilas. Due ore e mezza di strada a tornanti e tratti dissestati, di cui l’ultima mezz’ora di sterrato, ti fanno capire che sei nel nulla più totale.
Arriviamo all’unico Eco Lodge esistente, l’Eco del Mar. Da qui partono le lance per raggiungere Bahia de Las Aguilas, spiaggia totalmente vergine dove permaniamo due ore. E anche qui il nulla se non il rumore del mare, e l’emozione di aver la fortuna di essere in un posto del genere. Pranziamo tipico all’ecolodge: rigorosamente pesce appena pescato alla brace, riso, insalata e frutta.
Una parola per la giornata: esemplare.

Dia 4
Spoiler: niente mare oggi, ma…
Partiamo per la Laguna di Oviedo, altro luogo cardine del Parco Jaragua, la cui salinità e il triplo rispetto a quella del mare. Navighiamo i suoi 27 km quadrati di acqua verde e torbida con la nostra lancia, ci fermiamo in uno dei 14 isolotti, Cayo Iguana, che ospita diverse specie di iguane allo stato brado; nel ritorno a riva assistiamo al volo di centinaia di fenicotteri bianchi e rosa a pochi metri da noi, e di nuovo la natura ci lascia senza parole.
Ci aspettano 4 ore di strada per tornare a Santo Domingo e abbiamo bisogno di una buona dose di autenticità per affrontare il viaggio: la sosta pranzo al Rio De Los Patos è ciò che ci serve. Dovete sapere che i dominicani amano il fiume più del mare, ci passano le giornate di relax tra una Presidente (birra dominicana), due passi di merengue o bachata e un chin de arroz con habichuela y pescado (= un po’ di riso con fagioli e pesce).
Ecco, lo spettacolo di Rio de los Patos è questo: siamo immersi nelle loro abitudini, nella loro natura, mangiamo il loro cibo insieme, mentre gli occhi non sanno se guardare prima il fiume, il mare o la natura che ci circonda.
Rientriamo a Santo Domingo con l’anima piena di genuinità e il cuore mi dice che quello è il mio posto nel mondo.

Dia 5
Pronti per partire verso est, facciamo tappa a Bayahibe, ovvero la Repubblica Dominicana che tutti conoscono, ma ve la racconto nella prossima storia. Destinazione Punta Cana, posta all’estrema punta est della Rep. Dom, dove troviamo le più lussuose catene internazionali di resort; soggiorneremo all’Iberostar Bavaro Suites.
La zona di Bavaro è commerciale, trovate negozi, ristoranti e bar, servizi di diversa natura. Quindi si, se volete uscire la sera qualcosa da fare c’è. Sappiate che è frequentata per la maggiore da clientela internazionale medio alta, che non trovate resort ‘casa italia’ e che la zona è molto ventosa, quindi potete trovare mare un po’ mosso (si incontrano tra le altre cose Oceano Atlantico e Mare dei Caraibi proprio qui).

Dia 6
Visitiamo le principali catene alberghiere del posto di cui non vi racconterò nulla per non annoiarvi, ma che vi consiglierò se vorrete far tappa a Bavaro/Punta Cana nelle vostre prossime vacanze. Un’anticipazione: 4 Iberostar, 6 Gran Bahia Principe, 2 Barcelo.

Dia 7
L’ultimo giorno di permanenza lo passiamo invece allo Scape Park, parco avventure immerso nella natura, situato nel distretto di Cap Cana. L’ingresso costa 149$ circa e offre, non solo una serie di attività ludiche come zip line e buggy, ma grotte da esplorare, cenotes in cui nuotare, giardini botanici e percorsi culturali sulle orme dei tainos. Un buon compromesso tra natura e divertimento ideale per famiglie e per trascorrere una giornata diversa.

Dia 8
Ricordo solo il mal di cuore per il dover tornare a casa, lasciare i luoghi meravigliosi visitati, e coloro che ci hanno accompagnato in questo immenso viaggio. Passiamo quindi l’ultima notte in volo tra lacrime e risate.

Un viaggio faticoso e frenetico che vi lascia il segno. Quando la natura ti entra nell’anima non hai scampo, tutt’oggi la mia mente e il mio cuore cercano quel verde e quei colori in ogni dove. Nonché l’amore e l’ospitalità di un popolo che ha poco e niente e ti da tutto, che vive in povertà nella maggior parte dei casi ringraziando Dio per ciò che gli da.
Andateci, investite qualcosa in più e tornerete più ricchi. Parola Mia.

Articoli correlati

New York: la mia esperienza nella Grande Mela

New York: la mia esperienza nella Grande Mela

Oggi vi racconto di New York City. Avevo appena finito il liceo quando mi regalarono un biglietto di sola andata per New York. Sarebbe stato un modo per schiarirmi le idee sull’università da scegliere oppure uno di quei viaggi che chissà dove mi avrebbe portata. Non...

Stati Uniti: vivere e studiare in Nevada

Stati Uniti: vivere e studiare in Nevada

Vivere e studiare negli Stati Uniti Sono sempre di più gli studenti che sognano di imparare la lingua inglese in America e vivere un’esperienza completa inserendosi nella cultura americana e nella vita universitaria. A Reno c’é una delle Università più prestigiose del...

Panama: avventura tra le foreste

Panama: avventura tra le foreste

Se amate la natura in ogni sua declinazione, le foreste di Panama sono il vostro posto ideale, ecco la nostra esperienza. Dia 1Arriviamo all'aeroporto di Panama City Tocumen e, dopo un viaggi di 27 ore prendiamo un taxi per il nostro hotel Double Tree by Hilton -...

Holbox: Una chicca Messicana

Holbox: Una chicca Messicana

Dopo una lunga permanenza tra i posti più turistici del Messico decido di fare, in solitaria, un viaggio non molto comune..direzione? L'attraente isola di Holbox. Vi porto con me. Così, una mattina all'alba, sono partita da Cancun e dopo un tratto in taxi, un lungo...

One Happy Island – Aruba

One Happy Island – Aruba

La chiamano One Happy Island, l'isola felice. E come non poterla definire tale considerato che possiede una delle spiagge più belle al mondo? Considerando che è l'isola con più giorni di sole dei Caraibi? La sua collocazione geografica (a pochi km dal Venezuela e poco...

Panama: tra grattacieli e natura

Panama: tra grattacieli e natura

« Ogni viaggio di mille miglia inizia con un singolo passo » Per me Panama rappresenta il mio primo vero e lungo viaggio oltreoceano. Un’esperienza che mai dimenticherò. Mi ha fatta crescere, ha cambiato la mia mentalità e aperto i miei orizzonti. Panama è il mio...

Essenza di Cuba

Essenza di Cuba

Sono state due settimane di pura avventura! I primi 3 giorni nella capitale, Havana, per poi ogni due giorni cambio di città: Viñales, Cienfuegos, Trinidad, Santa Clara, Remedios e Varadero. Non avevamo una dimora fissa, ma volevamo conoscere al meglio Cuba, vivendo...

Canada: on the road tra le città

Canada: on the road tra le città

Abbiamo scelto, diversamente da molti, di fare un tour on the road tra le città principali del Canada escludendo i parchi! Iniziamo atterrando a Montreal, una bella città moderna tutta da visitare: fate un salto al belvedere, salirete molti scalini, sarete congelati e...

Cayo Largo: il mio paradiso tropicale

Cayo Largo: il mio paradiso tropicale

Ciao Amici viaggiatori! Sono Antonio Martini, ho 29 anni e vengo da Treviso; lavoro da sempre nell'Hospitality e per ovvie ragioni ho sempre guardato gli altri divertirsi. La mia sete di curiosità e di imparare cose nuove mi hanno portato a dedicare tutto il mio tempo...

Montana: a Winter Wonderland

Montana: a Winter Wonderland

Ciao Travelteller, ci scrive Spencer dal Montana per il nostro #xmasconest e leggete qui che meraviglia 😉 Il Montana è bellissimo, è uno stato versatile e sperimenterai molte cose diverse qui: potresti essere sorpreso da una bufera di neve in un minuto, poi dal caldo...

Stati Uniti: West Coast on the road

Stati Uniti: West Coast on the road

Cosa c’è di più bello di girare gli Stati Uniti “on the road”, sulla strada? Alla ricerca dei colori, dei sapori, delle facce e delle suggestioni di un paese che ha infinite storie da raccontare?  Per il nostro viaggio negli Stati Uniti Occidentali abbiamo scelto un...

[user-submitted-posts]