Argentina: verso i confini del mondo. Da Buenos Aires alla Terra del Fuoco

da | Dic 12, 2020 | Americhe

Home E Americhe E Argentina: verso i confini del mondo. Da Buenos Aires alla Terra del Fuoco

DESTINAZIONE

Argentina, Sudamerica

CON CHI

In coppia

QUANDO

Luglio - Agosto

Come

Aereo

Tempo di lettura: ( Parole totali: )

La domanda che ci siamo fatti prima di partire: si può andare in Argentina e in Terra del Fuoco nell’estate italiana quando lì è pieno inverno? Si può. Il clima a Buenos Aires non è diverso da quello che trovate in inverno in una città italiana del nord; la Terra del fuoco è decisamente più fredda ma l’idea di essere lì, dove il mondo finisce, in pieno inverno, aggiunge qualcosa al vostro viaggio conferendogli una patina di eroismo; al nord dell’Argentina fa addirittura caldo! Climi diversi, dunque, scontati in un paese lungo, da nord a sud, 3700 km, tre volte l’Italia per capire di cosa stiamo parlando. Ovvio che un viaggio di poco più di due settimane non possa esaurire tutto quello che c’è da vedere ma da qualcosa bisogna pur cominciare! Con l’idea di tornarci, ecco cosa abbiamo fatto questa volta.

Si parte da Buenos Aires, naturalmente, e da Plaza de Mayo, la Casa Rosada. Un concentrato di storia di questo paese. Lo avverti. Poi, come in tutti viaggi, cominci a camminare e il resto ti rapisce e ti tenta. Il Teatro Colon, uno dei tempi della lirica mondiale, unico per la sua acustica, con gli interni simili a un palazzo imperiale francese. La Cattedrale metropolitana con la fiamma che arde perpetua per ricordare L’eroe nazionale San Martin. Il barrio popolare della Boca con le case colorate del Caminito e la sensazione che il calcio sia qui qualcosa di molto simile a una religione. Il Cimitero della Recoleta, una vera città dei morti. La bellezza impertinente del quartiere Palermo Soho e Palermo Hollywood con le sue due anime, quella artistica e quella elitaria e raffinata. Il piacere della cucina argentina, carne e vino rosso a gogò, la passione per il tango da vivere nelle case da ballo nel quartiere San Telmo in cui è nato. Il fiore meccanico che si apre e si chiude ogni giorno, raggiunge i 32 metri di diametro e pulsa come un cuore che non smette mai di battere. 

Un paio di giorni nella capitale e poi Sud che più sud non si può! Da Buenos Aires 3000 km per arrivare nella Terra del Fuoco e trovare Ushuaia l’ultimo posto abitato prima della fine del mondo. Una terra ostile, fredda, dura, sferzata da un vento gelido a cui persone e animali rimangono aggrappati come possono. Qui finisce la strada, non si può proseguire, e in mare il faro Lesesclaireurs è l’ultimo segnale della presenza umana prima che l’oceano dell’Antartide ti inghiotta. 

Di nuovo in volo per El Calafate, Patagonia, terra selvaggia, brulla, bellissima, terra di silenzi che ci ha regalato la più bella alba mia vista al mondo. Soprattutto terra di ghiacciai. Il Perito Moreno, patrimonio dell’Umanità, 30 km di lunghezza, 5 di larghezza, uno sbarramento di ghiaccio alto 60 metri che ti annichilisce. Il Perito Moreno è vivo, avanza fino a 2 metri al giorno causando il distacco di iceberg dal fronte alti come palazzi. Ed è in quel momento che senti la sua voce: un suono forte, a metà tra il tuono e il cupo avvertimento del terremoto, con l’eco che trasporta la rabbia del ghiacciaio per interminabili secondi. Senza che si riesca a capire da dove venga. E ogni volta che rialzi gli occhi e lo vedi, non riesci a farti una ragione di come la natura possa arrivare a tali vertici di bellezza inaudita.

Come il ghiacciaio Spegazzini che si raggiunge dopo un paio d’ore di navigazione tra iceberg azzurri sul Lago Argentino. Più piccolo del Perito Moreno ma con un fronte alto il doppio,120 metri. Maestoso, altissimo, impossibile da scalare.

Articoli correlati

New York: la mia esperienza nella Grande Mela

New York: la mia esperienza nella Grande Mela

Oggi vi racconto di New York City. Avevo appena finito il liceo quando mi regalarono un biglietto di sola andata per New York. Sarebbe stato un modo per schiarirmi le idee sull’università da scegliere oppure uno di quei viaggi che chissà dove mi avrebbe portata. Non...

Stati Uniti: vivere e studiare in Nevada

Stati Uniti: vivere e studiare in Nevada

Vivere e studiare negli Stati Uniti Sono sempre di più gli studenti che sognano di imparare la lingua inglese in America e vivere un’esperienza completa inserendosi nella cultura americana e nella vita universitaria. A Reno c’é una delle Università più prestigiose del...

Panama: avventura tra le foreste

Panama: avventura tra le foreste

Se amate la natura in ogni sua declinazione, le foreste di Panama sono il vostro posto ideale, ecco la nostra esperienza. Dia 1Arriviamo all'aeroporto di Panama City Tocumen e, dopo un viaggi di 27 ore prendiamo un taxi per il nostro hotel Double Tree by Hilton -...

Holbox: Una chicca Messicana

Holbox: Una chicca Messicana

Dopo una lunga permanenza tra i posti più turistici del Messico decido di fare, in solitaria, un viaggio non molto comune..direzione? L'attraente isola di Holbox. Vi porto con me. Così, una mattina all'alba, sono partita da Cancun e dopo un tratto in taxi, un lungo...

One Happy Island – Aruba

One Happy Island – Aruba

La chiamano One Happy Island, l'isola felice. E come non poterla definire tale considerato che possiede una delle spiagge più belle al mondo? Considerando che è l'isola con più giorni di sole dei Caraibi? La sua collocazione geografica (a pochi km dal Venezuela e poco...

Panama: tra grattacieli e natura

Panama: tra grattacieli e natura

« Ogni viaggio di mille miglia inizia con un singolo passo » Per me Panama rappresenta il mio primo vero e lungo viaggio oltreoceano. Un’esperienza che mai dimenticherò. Mi ha fatta crescere, ha cambiato la mia mentalità e aperto i miei orizzonti. Panama è il mio...

Essenza di Cuba

Essenza di Cuba

Sono state due settimane di pura avventura! I primi 3 giorni nella capitale, Havana, per poi ogni due giorni cambio di città: Viñales, Cienfuegos, Trinidad, Santa Clara, Remedios e Varadero. Non avevamo una dimora fissa, ma volevamo conoscere al meglio Cuba, vivendo...

Canada: on the road tra le città

Canada: on the road tra le città

Abbiamo scelto, diversamente da molti, di fare un tour on the road tra le città principali del Canada escludendo i parchi! Iniziamo atterrando a Montreal, una bella città moderna tutta da visitare: fate un salto al belvedere, salirete molti scalini, sarete congelati e...

Cayo Largo: il mio paradiso tropicale

Cayo Largo: il mio paradiso tropicale

Ciao Amici viaggiatori! Sono Antonio Martini, ho 29 anni e vengo da Treviso; lavoro da sempre nell'Hospitality e per ovvie ragioni ho sempre guardato gli altri divertirsi. La mia sete di curiosità e di imparare cose nuove mi hanno portato a dedicare tutto il mio tempo...

Montana: a Winter Wonderland

Montana: a Winter Wonderland

Ciao Travelteller, ci scrive Spencer dal Montana per il nostro #xmasconest e leggete qui che meraviglia 😉 Il Montana è bellissimo, è uno stato versatile e sperimenterai molte cose diverse qui: potresti essere sorpreso da una bufera di neve in un minuto, poi dal caldo...

La Repubblica Dominicana che non conosci

La Repubblica Dominicana che non conosci

La Repubblica Dominicana che ti racconto è quella più inesplorata. È un tour che parte dalla capitale, si spinge fino al confine ovest con Haiti e termina in quello più ad est. Pronti? Sono partita per il mio primo viaggio a lungo raggio da sola, con un gruppo di...

Stati Uniti: West Coast on the road

Stati Uniti: West Coast on the road

Cosa c’è di più bello di girare gli Stati Uniti “on the road”, sulla strada? Alla ricerca dei colori, dei sapori, delle facce e delle suggestioni di un paese che ha infinite storie da raccontare?  Per il nostro viaggio negli Stati Uniti Occidentali abbiamo scelto un...

[user-submitted-posts]