Namibia: tra animali, deserti e colori che scaldano il cuore

da | Dic 12, 2020 | Africa

Home E Africa E Namibia: tra animali, deserti e colori che scaldano il cuore

DESTINAZIONE

Namibia, Africa

CON CHI

In coppia

QUANDO

Luglio - Agosto

Come

Aereo

Tempo di lettura: ( Parole totali: )

L’Africa è luce. Colori che trovi solo lì. Una natura fiera e abbagliante. Una povertà che ti strazia. L’Africa ti entra dentro e quando ti trovi a ripensarci, lo fai con nostalgia. E non vedi l’ora di tornarci.

Da Malpensa a Francoforte e poi Windhoek, la capitale della Namibia, Africa del Sud, 2 milioni e 700 abitanti distribuiti su un territorio enorme. Il secondo paese al mondo dopo la Mongolia con la minor densità di popolazione. Viaggio organizzato, meglio non improvvisare dovendo muoversi per il paese attraverso tappe lunghe e impegnative. Land Rover, autista-guida e altre cinque persone presto diventate amici inseparabili. Dalla capitale trasferimento alla volta di un lodge dove arriviamo per trascorrere la notte. Il giorno dopo, all’alba, comincia la visita al Parco Etosha. Ci perdiamo in uno stato nello stato, grande come l’Austria, infinitamente ricco di vita. Vita difficile. 120 specie di animali, alcune a rischio estinzione, alla ricerca di cibo giorno dopo giorno e in fuga dai predatori. In una lotta quotidiana per la sopravvivenza. Fino al tramonto. Unico. Sopra la nostra testa l’eclissi di luna più lunga del secolo. 

Due giorni in giro per il parco, una natura che ti rapisce, poi fuori pista nel cuore del Kaokoveld, la zona più impervia e selvaggia della Namibia dove vivono gli Himba e gli Herrero, custodi delle tradizioni del paese. Si continua, giù verso il Damaraland, la terra dei Damara, una delle 12 etnie che abitano la Namibia. Una terra sopraffatta dal deserto roccioso dove si trovano pitture e incisioni rupestri, foreste pietrificate e le “organ pipe “, le canne dell’organo, colonne di dolerite scolpite dal fiume e dal tempo. E soprattutto scorci mozzafiato, silenzi e una luce che ti sorprende. Anche solo vagamente cominci allora a capire a che cosa ci si riferisce quando si parla di mal d’Africa: quel senso di mancanza e di vuoto che si prova quando tutto questo è un ricordo. Il ricordo struggente della bellezza assoluta.

Lasciate alle spalle le alture dell’interno, per arrivare al mare ti devi fare inghiottire dal deserto. Finché, con il suo nome minaccioso, ecco la Skeleton Coast. Fondali bassi con secche rocciose e la nebbia che si forma per l’incrocio delle correnti calde del deserto e quelle fredde dell’Oceano Atlantico, hanno trasformato questo tratto di costa in una trappola. I relitti sparsi ancora oggi ricordano a tutti le “sabbie dell’inferno”. 

La bella e ricca Swakopmund, la principale meta vacanziera dei namibiani, rappresenta un’evidente discontinuità. Da qui la natura torna a togliere il respiro. Le alte dune del deserto che si tuffano nell’Oceano e quelle giganti, rosse come il fuoco, del Namib ti paralizzano. Rimani immobile come gli alberi secchi della Valle delle Morte, una foresta pietrificata risalente a 250 milioni di anni fa. E vorresti che il tempo non passasse mai.

E per finire Windhoek, la capitale, dove tutta la Namibia ammirata fino a qui si trasforma in una sensazione lontana. Non la Windhoek dei turisti e dei quartieri di lusso delle ambasciate ma la Township, il ghetto a cielo aperto in cui sopravvivono 300.000 persone, l’80 per cento dei residenti. 

Anche qui vige una legge della giungla e la stabilisce chi è più forte. Anche qui si lotta per arrivare a sera cacciando per il cibo e difendendosi dai predatori. Le vittime sono i più deboli, le donne spesso violentate, e i bambini. Bambini senza un futuro, abbandonati per strada come pacchi, rinnegati, mai voluti, figuriamoci amati.

Eppure, qualcuno si ribella a questo stato di cose. Andrea e Daniela sono due italiani che hanno lasciato un lavoro a tempo indeterminato in Italia per trasferirsi a Windhoek e dare vita a Happydu Italia Onlus. L’obiettivo del progetto è migliorare la qualità della vita di bambini e ragazzi orfani dando loro beni di prima necessità, supporto sanitario e un buon livello di istruzione. Hanno fatto tantissimo ma non basta mai. Hanno bisogno del nostro aiuto. Quello che possiamo fare, anche se a noi sembrerà poco, per loro sarà una manna. Non lasciamoli soli.  

Un viaggio meraviglioso si conclude così, con la scoperta del cuore senza fine di Andrea e Daniela in grado di dare il sorriso a chi il sorriso non sapeva cosa fosse. Torniamo in Italia portando con noi gli sguardi di quei bambini contenti di vederci e di saltarci in braccio per giocare. Meglio di qualsiasi stupendo tramonto namibiano.

 

Articoli correlati

Cape Town: un tour alla fine del mondo

Cape Town: un tour alla fine del mondo

Dopo 16 ore di aereo e tre voli differenti raggiungiamo il continente africano. Ci troviamo in Sudafrica e in particolare a Cape Town, una delle tre capitali del paese, situata nella costa sud-occidentale e caratterizzata da spiagge, storia, giardini e musei. Siete...

Praslin e La Digue: paradisi incontaminati

Praslin e La Digue: paradisi incontaminati

Come promesso eccomi qui a raccontarvi le mie escursioni a Praslin e La Digue, isole nelle immediate prossimità della principale Mahe. Praslin E' l'ideale per gli amanti della natura, è l’unica isola dove, se hai fortuna, puoi avvistare il raro Black Parrot. L’isola è...

Mahé: semplicità e natura selvaggia

Mahé: semplicità e natura selvaggia

Le Seychelles erano una delle mie mete in top ten nella lista dei viaggi, pensavo sempre a quelle cartoline paradisiache che vedevo su internet e mi immaginavo di prendere il sole in quel meraviglioso contesto. Così a Dicembre del 2019 ho deciso, assieme alla mia...

Madagascar: parchi nazionali e mare

Madagascar: parchi nazionali e mare

Il madagascar è un posto stupendo...ha una natura incontaminata, una vegetazione fittissima , delle foreste straordinarie e una quantità infinita di animali e piante endemiche. L'isola è grande una volta e mezza dell'Italia, ma è...

I colori del Kenya

I colori del Kenya

Ciao a tutti! Prima di tutto mi presento: sono Federica Mattioli, ex assistente turistica per i villaggi Eden Viaggi, vagabonda un po' per forza, ma soprattuto per passione! Voglio parlarvi di uno dei miei posti del cuore, un posto che ti rapisce e stupisce ogni...

Marrakech: 3 giorni nella città rossa

Marrakech: 3 giorni nella città rossa

A Natale del 2019 ho ricevuto un inaspettato quanto gradito regalo dalle mie ragazze: trascorrere insieme a loro 3 giorni a Marrakech dal 24 al 26 gennaio 2020. Con un’organizzazione direi perfetta (è il vantaggio di avere una figlia agente di viaggio) partiamo da...

[user-submitted-posts]